540 visitatori e 2 utenti online

Il girone di Europa League per una (ri)debuttante come il Toro? Secondo Giampiero Ventura va bene così: “Dovremo affrontare squadre che hanno tradizione nei loro Paesi e anche esperienza internazionale. Quando si arriva a certi livelli, quando si entra in un girone di Europa League, ogni partita è molto difficile e nel calcio di oggi non ha senso esprimere giudizi prima di giocare”.

 
Domani esordisce il Toro di Longo
Stampa E-mail

Dopo esserci andati incredibilmente vicino, perdendo solamente la finale scudetto contro il Chievo, oltretutto ai calci di rigore, il Torino di Moreno Longo, fresco di rinnovo contrattuale, ci riprova in un girone che sembrerebbe aver perso qualcosa in termini di qualità, con gli innesti di Pro Vercelli, Virtus Entella e Trapani (ma anche quello scomodo della Fiorentina, lo scorso anno separata da questo gruppo).

 
La prossima serie A - Udinese
Stampa E-mail

Partono giocatori importanti come Basta dopo cinque anni in bianconero, e Pereyra in direzione Juventus. Come ogni anno la rete di osservatori porta in casa calciatori semisconosciuti su cui Guidolin ha sempre lavorato benissimo e spesso e volentieri trasformato in forti plusvalenze. Il problema è che al posto suo adesso c'è Stramaccioni, in un compito certamente non facile e con una squadra, sulla carta, indebolita.

 

Sorteggiati i gironi eliminatori, è stata la volta poi di stilare i calendari per capire contro chi si esordirà ed eventualmente contro chi si chiuderà il girone. Si comincerà giovedì 18 settembre contro il Bruges, in trasferta, poi il Copenhagen in casa e la doppia sfida ai finlandesi dell'Helsinki, come previsto dai regolamenti del calcio europeo.

 
Preud'homme: "Girone è fattibile"
Stampa E-mail

Dopo Solbakken, ecco invece il commento del tecnico del Brugge, l'ex portiere Michel Preud'homme: "Affrontiamo squadre ognuna con caratteristiche diverse, però sappiamo bene che è fattibile passare il turno. Il Copenhagen ha grande esperienza in Europa, il Toro vanta un nome importante e può creare sempre grosse sorprese mentre l' Helsinki è una squadra molto solida".

 

Questo il commento a caldo del tecnico del Copenhagen, Stale Solbakken, una delle avversarie del Torino nel girone di Europa League: "Siamo capitati in un girone equilibrato, è andata bene se si pensa a quello che poteva essere. Conosciamo il Bruges, sappiamo che si tratta di una buona squadra, però non conosco così bene Torino e Helsinki per poter dire qualcosa. I secondi sono forti, ma contro una squadra finlandese dovremmo essere favoriti, riguardo al Torino sono sicuramente forti, certamente non come il Napoli".

 

E' una questione di tempo che stringe. Perché Alessio Cerci non si considera più un giocatore da Toro, ma con soli quattro giorni alla fine del mercato il rischio è che lui trovi una sistemazione poco gradita (in fondo, problema solo suo) ma soprattutto che il Toro non riesca a venderlo al prezzo richiesto.

 
<< Inizio < Prec. 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 Succ. > Fine >>


© 2013 INFOTORO.IT - E' VIETATA LA RIPRODUZIONE ANCHE PARZIALE DEI CONTENUTI



InfoToro.it   Designed by BIT4WEB