149 visitatori online
Banner

La Juventus vince facilmente contro il Crotone e conquista il sesto scudetto di fila con una giornata di anticipo, ma i calabresi avranno ancora l'occasione di salvarsi nell'ultimo turno, visto che l'Atalanta ha espugnato il campo dell'Empoli. Vince il set contro il Cagliari, il Sassuolo di Di Francesco mentre vola il Milan e l'Udinese ferma la Sampdoria, che rimane a due punti dai granata in ottica nono posto.

 

Il Genoa ha un disperato bisogno di punti, per raggiungere, forse, la matematica salvezza, sarà costretto a battere il Torino nella sfida di oggi pomeriggio al Ferraris, sicuramente gremito per la politica di ribasso dei prezzi. Il tecnico Juric dovrà fare a meno solamente del portiere Perin (assenza comunque di grande rilievo), fuori ormai da mesi, e di Izzo.

 

Ivan Juric per la gara di domani contro il Toro recupera Burdisso che rientra dalla squalifica e convoca tra i suoi ventitré anche Simeone e Cataldi, ma solo l'attaccante argentino ha chance di giocare dal primo minuto.

 

Per il Toro è solo il modo di concludere bene la stagione, per il Genoa significa semplicemente vivere o morire e Ivan Juric lo sa: “Domani sarà la partita della vita e l'abbiamo preparata al meglio. Sono convinto che possiamo fare bene, il pubblico sarà vicino a noi e numeroso. Sarà una partita fondamentale ed è normale che tutti siano uniti. So che il Torino verrà qui a fare la partita, giocherà al massimo”.

 

La penultima giornata di campionato è quella che potrebbe donare alla Juventus il sesto titolo consecutivo e già alle 18 potrebbe accadere con la trasferta della Roma in casa del Chievo, anche se i giallorossi sono costretti a vincere per impedire nuovi sorpassi da parte del Napoli. Questi ultimi, scenderanno in campo subito dopo, in casa alle 20.45, contro la Fiorentina.

 

E’ tempo di resoconti in Serie B . Dopo la promozione della SPAL e la retrocessione anticipata di Pisa e Latina , nella serata, con la disputa della 42esima giornata, sono stati raggiunti altri verdetti definitivi. Promozione. Al Verona basta il pari sul campo del Cesena per essere sicuro della seconda posizione, dato il vantaggio negli scontri diretti nei confronti del Frosinone (entrambe le squadre hanno concluso a 74 punti).

 

Bilancio negativo, ma tutto sommato equilibrato, per il Torino con il direttore di gara scelto per arbitrare la sfida di domenica pomeriggio al Ferraris contro il Genoa. Su dieci precedenti, Guida ha diretto nove volte i granata in trasferta, con un evidente squilibrio nella distribuzione dei calci di rigore: uno in favore del Toro, realizzato da Belotti e decisivo per espugnare San Siro contro l'Inter, ma ben sette contro.

 
Guida per Genoa-Torino
 E-mail

L'incontro di domenica pomeriggio tra il Torino ed il Genoa sarà diretto dal fischietto verde Marco Guida della sezione AIA di Torre Annunziata. Questa è la scelta del designatore arbitrale, con lo stesso Guida coadiuvato dai primi assistenti Cariolato e Carbone, dal quarto uomo Ranghetti e dagli addizionali di porta Russo e La Penna.

 

Dopo aver conquistato un brillante terzo posto in campionato nonché la finale di Coppa U.E.F.A. in cui il trofeo andò all'Ajax, nel 1992 il Torino, che nel frattempo perse sul mercato Lentini, Martin Vazquez e Bresciani, acquistò dal Genoa l'attaccante uruguaiano Pato Aguilera, reduce da tre stagioni brillanti con la maglia dei rossoblu con cui, nella stessa competizione mancata all'ultimo dai granata, realizzò la doppietta con cui i grifoni superarono il Liverpool per 2-1, la prima volta di una squadra italiana ad Anfield Road.

 
<< Inizio < Prec. 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 Succ. > Fine >>
Pagina 1 di 571
Segui i risultati del Toro su Risultati.it

 

© 2014 INFOTORO.IT - E' VIETATA LA RIPRODUZIONE ANCHE PARZIALE DEI CONTENUTI



InfoToro.it   Designed by BIT4WEB