633 visitatori online
Banner

Non porta bene ai blucerchiati di Walter Zenga l'esordio nei preliminari di Europa League disputati "in casa" all'Olimpico di Torino, superati con un netto 4-0 dai serbi del Vojvodina. Vantaggio a freddo con Ivanic, raddoppio a inizio ripresa di Stanisavjevic, poi doppietta di Ozegovic. Partita inguardabile, gioco inesistente e squadra pesantemente contestata, Zenga in primis. Il corno di Ferrero non basterà per il miracoloso risultato necessario al ritorno al fine di evitare l'eliminazione.

 

La stagione 2015/2016 comincia ufficialmente per le squadre italiane questa sera, quando la Sampdoria scenderà in campo contro il Vojvodina nel turno preliminare di Europa League, nell'Olimpico di Torino. Non ci sarà comunque il tutto esaurito, perché per l'occasione la Curva Maratona è stata chiusa al pubblico e non sarà occupata da quelli blucerchiati.

 
Licenza Uefa, alleata Toro
 E-mail

Da qualche anno è stata inserita la Licenza Uefa, vale a dire la richiesta ufficiale dei club, presentata di anno in anno, per dimostrare di avere i requisiti necessari alla partecipazione nelle competizioni continentali. E' un modo per costringere le società a gestire al meglio i propri conti, nell'ambito del Financial Fair Play, ma non solo, il riferimento è anche alla sicurezza negli stadi.

 

Emiliano Moretti è lucido nella sua analisi finale: “Certo dispiace perché potevamo farcela, ma siamo comunque soddisfatti per come abbiamo affrontato tutto questo percorso europeo. È stata una grande avventura, da serate come questa si può imparare”.

 

Il settimo sigillo di Kamil Glik questa volta non è stato sufficiente, ma soprattutto lui è uscito tra gli applausi: “Un vero peccato – ha detto a Mediaset Premium - perché oggi il portiere ha fatto cose incredibili, già nel primo tempo potevamo vincere 2-0. Non siamo riusciti a segnare, francamente non so se il mio primo gol fosse valido anche se secondo me ero in linea con Garay”.

 

Giampiero Ventura non ha grossi rammarichi: “Alla squadra ho poco da rimproverare, abbiamo fatto noi  la partita creando molto, siamo andati in vantaggio alla fine e abbiamo avuto due palle gol clamorose, un gol annullato, un possibile rigore. Insomma, se avessimo fatto due gol non avremmo rubato nulla.  L'espulsione dell'andata ci ha penalizzato”.

 

Si gioca questa sera il ritorno degli ottavi di finale dell'Europa League. Oltre a quella del Torino, impresa complicata anche per l'Inter che deve recuperare l'1-3 in Germania, peggio va al Villareal contro il Siviglia in trasferta. Apertissimi gli altri incontri, con i pari dell'andata del derby italico tra Fiorentina e Roma, mentre Bruges, Dnipro e Everton proveranno a mantenere il minimo vantaggio acquisito rispettivamente contro Besiktas, Ajax e Dinamo Kiev. Doppio vantaggio per il Napoli.

 

Ieri ha fatto pretattica dando al 50% la possibilità di qualificazione dei suoi al prossimo turno, nonostante il 2-0 ottenuto in casa nella partita di andata, salvo poi dire che lo Zenit proverà sin da subito a cercare la rete che direbbe addio alle speranze del Torino di accedere agli ottavi di finale (in quel caso servirebbero quattro gol alla formazione granata di Giampiero Ventura).

 
I venti convocati di Villas Boas
 E-mail

Sono venti i convocati del tecnico dello Zenit Villas Boas per la sfida di domani sera contro il Torino di GIampiero Ventura. Tutta la rosa a disposizione, ad eccezione del centrocampista Javi Garcia, fermato per un turno dal giudice sportivo. C'è anche Shatov, recuperato dall'infortunio patito nell'ultima sfida di campionato.

 
<< Inizio < Prec. 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 Succ. > Fine >>
Pagina 1 di 19
Segui i risultati del Toro su Risultati.it

 

© 2014 INFOTORO.IT - E' VIETATA LA RIPRODUZIONE ANCHE PARZIALE DEI CONTENUTI



InfoToro.it   Designed by BIT4WEB